Il Demofoonte (di Jommelli) ritrovato

Torna sulle scene il dramma per musica scritto per il San Carlo nell’intonazione del 1770

Demoofonte

© Silvia Lelli

Jommelli, superstar che riscuoteva i consensi di Charles Burney e aveva attirato l’attenzione del giovane Mozart, nel 1770 s’apprestava a intonare per la quarta volta il Demofoonte. Ora Riccardo Muti ha riscoperto questo dramma per musica su libretto di Metastasio nella biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella; per il terzo anno (e per altri 2) il Festival di Pentecoste di Salisburgo, in coproduzione col Ravenna Festival, mette in scena opere della scuola napoletana mai state in cartellone: prossime tappe Parigi e Ravenna.

La trama ha al centro il conflitto generazionale tra padre (Demofoonte) e figlio (Timante), e l’amore contrastato di quest’ultimo con Dircea: Demofoonte vorrebbe che Timante sposasse Creusa, regina di Frigia. L’uso virtuosistico dell’orchestra in competizione con i cantanti, la scrittura contrappuntistica degli archi, la maestria nel recitativo accompagnato, lodata anche dai suoi contemporanei, sono le peculiarità della partitura di Jommelli. La scena è bianca e asettica, vivificata da qualche pianta e dall’uso sapiente della luce. Domina uno stile impero minimal: nella vita alta degli abiti femminili, nella pettinatura à la Titus di Timante. Maria Grazia Schiavo è una Dircea dalla voce rotonda, duttile e carezzevole, il cui momento più alto è nell’aria “Se tutti i mali miei”; convince la recitazione di Josè Maria Lo Monaco (Timante) che dà il meglio di sé nei pezzi d’insieme; la bella Creusa (Eleonora Buratto) dal biondo crine si distingue per il suo caratterino (“Tu sai chi son” e “Non curo l’affetto”). L’autorevolezza di Demofoonte (Dmitry Korchak) è affidata soprattutto alla sua voce potente, meno alla presenza scenica. Accoglienza calorosissima del pubblico, ottima prova per l’Orchestra Giovanile Cherubini. Bentornato Jommelli!

Il Giornale della Musica, recensioni on line

Commenti:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...