Cosa faccio

Scrivo, in molteplici declinazioni:

  • saggi: l’attenzione per l’arte visiva e l’amore per il tedesco mi hanno consentito di dedicarmi per otto anni a due diversi campi di ricerca: l’iconografia beethoveniana – che mi ha portata a scrivere anche per Gallimard contribuendo alla più grande mostra sul tema, a Parigi – e i viaggi e le autobiografie dei musicisti di lingua tedesca nel diciottesimo secolo; qui la bibliografia completa dei miei scritti
  • con le parole, in campo editoriale editoriale, ho maturato esperienza prima come redattrice, poi come traduttrice (DE/EN > IT)  e localizzatrice, lavorando per case editrici e clienti italiani, tedeschi, inglesi
  • in qualità di stratega digitale (digital strategist e responsabile del content marketing) e community manager lavoro in contesti istituzionali, legati principalmente alla musica classica. La mia specialità è Twitter
  • collaborando ai programmi di sala, presentando concerti o in veste di traduttrice, lavoro con diverse istituzioni musicali, tra cui: Unione musicale di Torino, RIAS Kammerchor di Berlino, Antidogma, Ravenna Festival, Accademia corale “Stefano Tempia”, Orchestra da camera “G.B. Polledro”

E poi parlo (tanto, chi mi conosce lo sa):

  • da quando ho vinto la timidezza parlo in pubblico,  in sedi e per target diversi: qui i miei interventi

Infine:

  • sul versante didattico ho curato progetti di educazione all’ascolto per alcune istituzioni musicali (tra cui l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai) e ho insegnato varie materie (inglese, matematica, scienze per cinque anni nella scuola primaria
  • sono stata marketing manager B2B per la filiale italiana di Sothys Paris, occupandomi anche di comunicazione e traduzione dall’inglese