Una visita a Beethoven

Cosa accade quando un militare francese bussa alla porta di Beethoven per portargli una lettera? Normalmente sarebbe stato mandato via in malo modo.

Ma Louis Philippe Joseph Girod de Vienney è un uomo di tempra e non si lascia scoraggiare dagli aneddoti che dipingevano il maestro come inavvicinabile.

Vienna, 1809.

«Mi aspettavo che, dopo aver letto la lettera, mi congedasse e che la nostra conoscenza finisse lì. Avevo visto l’orso nella sua gabbia, era più di quanto potessi mai sperare», scrive Vienney.

È l’uomo giusto al momento giusto.

Beethoven è incuriosito dal giovane francese e ben disposto verso di lui. I due s’incontrarono più volte, progettando anche un viaggio in Francia, mai realizzato. Vienney, poi divenuto barone di Trémont, lascia fra le sue carte questo vivido resoconto di quei fatidici giorni.

Louis Philippe Joseph Girod de Vienney

Louis Philippe Joseph Girod de Vienney,
Una visita a Beethoven.
A cura di Benedetta Saglietti,
traduzione dal francese di Bruno Nacci.
ISBN 978-88-6542-342-4 (carta)
978-88-6542-337-0 (ebook)
Pagine: 48
Anno: 2014
Formato: 12,5 x 19 cm
Collana: Feuilles détachées, 10

Libro: La Feltrinelli

La scuola di Pitagora  Libreria universitaria Libreria Fernandez

Ebook: Bookrepublic

Dicono di noi:

Risulta vivido ed emozionante il resoconto della prima visita di Trémont a Beethoven, con la descrizione dell’aspetto personale, privato, del Maestro di Bonn.

Massimo Rolando ZegnaAmadeus

Una visita a Beethoven appartiene a quella tradizione frammentaria e rigogliosa di aneddoti, testimonianze dirette e leggende biografiche su cui per quasi due secoli, fra storiografia autentica e agiografia romanzata, si è costruito il mito dell’artista romantico tutto genio e sregolatezza.

Valentina Ester CrosettoIl Giornale della musica

Siamo di fronte a un osservatore esaltato dall’incontro, che descrive “l’orso nella sua gabbia”, ma come i suoi contemporanei fatica a comprendere l’inconvenzionale attrito tra l’uomo burbero, umorale […] e il genio della musica.

Fabio BardelliOperaclick

Segnalato anche su lvbeethoven.it